C.ne Gianicolense 130/E (Roma)  –  Viale Somalia 40 (Roma) – Tel. 06/58200552

Blog

Maggio 22, 2022

Disabili e legge 104: quali detrazioni spettano loro

La condizione di disabilità prevede alcune gravi limitazioni cognitive, mentali, fisiche e sociali che rendono più difficile sia il normale svolgimento di determinate attività che l’interazione con il mondo circostante.

Esistono molte tipologie di disabilità, che vanno ad intaccare diverse aree dell’organismo, limitando di fatto funzioni e capacità.

Tale condizione può riguardare:

  • Vista
  • Udito
  • Mobilità
  • Capacita di pensiero
  • Memoria
  • Apprendimento
  • Comunicazione
  • Compromissione del sistema cardiovascolare, respiratorio, immunologico, metabolico, digerente, riproduttivo
  • Salute mentale
  • Relazioni sociali

In Italia, le persone affette da disabilita sono tutelate dalla legge 5 febbraio 1992, n. 104, nota ai più come Legge 104. La normativa stabilisce i principi dell’ordinamento giuridico in merito a diritti, integrazione sociale ed assistenza delle persone disabili, intese come persone che hanno una disabilità fisica, psichica o sensoriale, stabile o in evoluzione, che causano difficoltà relazionali, sociali o di integrazione.

L’accertamento della condizione di disabilità, da effettuare presso l’ASL di competenza tramite una visita programmata, rappresenta il primo passo da compiere per ottenere le condizioni di assistenza e tutela previste dalla legge 104. L’ASL, una volta riscontrato lo stato di disabilita ed aver indicato il livello di gravita, rilascerà un verbale ufficiale contente tutte le informazioni.

In questo articolo osserveremmo le agevolazioni fiscali previste dalla legge 104.

Agevolazioni fiscali per le persone con disabilità

La Legge 104 prevede molti aiuti per le persone disabili, che toccano diversi settori,  inclusi quelli di natura tributaria.

La normativa stabilisce infatti parecchi aiuti economici sotto forma di agevolazioni fiscali e detrazioni per i portatori di handicap.

Figli a carico

Per ciascun figlio con disabilità fiscalmente a carico, lo Stato concede le seguenti detrazioni Irpef:

  • 1620 euro, quando il figlio ha meno di tre anni
  • 1350 euro, per il figlio con un’età pari o superiore ai tre anni
  • Con più di tre figli a carico, la detrazione aumenta di 200 euro per ciascun figlio a partire dal primo

Le detrazioni sono vincolate al reddito familiare: l’importo concesso diminuisce con l’aumentare del reddito stesso, e viene annullato quando questo supera i 95 mila euro totali.

Veicoli

Per l’acquisto di veicoli, le detrazioni previste sono le seguenti:

  • Detrazione Irpef del 19% per la spesa sostenuta
  • Iva agevolata al 4% per l’acquisto
  • Esenzione dal pagamento del bollo auto
  • Esenzione dal pagamento dell’imposta di trascrizione sui passaggi di proprietà

Altri mezzi di ausilio e sussidi telematici

Per l’acquisto di mezzi necessari all’accompagnamento, alla deambulazione ed al sollevamento delle persone con disabilità (come ad esempio servoscala, piattaforme elevatrici, protesi, apparecchi ortopedici ed oculistici) e per i sussidi tecnici ed informatici volti ad agevolare l’autosufficienza e l’integrazione dei portatori di handicap (come ad esempio fax, modem e computer) le agevolazioni sono le seguenti:

  • Detrazione Irpef del 19%
  • Iva agevolata al 4%

Tra i mezzi di ausilio rientrano anche le poltrone relax per disabili.

Le poltrone ortopediche rappresentano infatti un validissimo aiuto per chi ha problemi motori, che possono riguardare la deambulazione e movimenti come il sedersi ed il rimettersi in piedi. Le poltrone per disabili sono una soluzione in grado di migliorare la vita nel quotidiano, perché oltre favorire il movimento assicurano l’adozione di una postura corretta, migliorano la circolazione e garantiscono grandi benefici ai muscoli del collo, della schiena e delle gambe. Qui potrete trovare altre informazioni su assistenza e agevolazioni.

Spese sanitarie

Per quanto riguarda le spese di natura sanitaria, sono interamente deducibili dal reddito del disabile:

  • Le spese mediche generiche (prestazione del medico generico, acquisto di farmaci)
  • Le spese di assistenza specifica (assistenza infermieristica, riabilitativa)

Assistenza personale

Le spese sostenute per pagare gli addetti all’assistenza personale, quando la persona disabile non e autosufficiente, prevedono:

  • Deduzione dal reddito complessivo degli oneri contributivi versati per gli addetti ai servizi domestici ed all’assistenza personale (fino ad un importo massimo di 1549,37 euro).
  • Detrazione Irpef del 19% delle spese sostenute per gli addetti, da calcolare su un importo massimo di 2100 euro. Il reddito del contribuente non dovrà pero superare i 40 mila euro.

 

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è possibile consultare la guida completa, aggiornata a febbraio 2022, dove sono contenuti maggiori dettagli.

Consigli ,
About Romana Poltrone
Cart